VEGEA AL VINITALY PRESENTA PROTOTIPI DI ARREDO NELL’AREA LOUNGE VIP DELLA NESPRESSO

Dal 9 al 12 Aprile 2017, Verona ha accolto la 51esima edizione del Vinitaly, il Salone internazionale dei vini e dei distillati.

Tra i temi affrontati c’è stato quello della sostenibilità della filiera vitivinicola, che da sempre ricopre uno spazio fondamentale all’interno della fiera. Dai dibattiti è emerso che c’è una valenza del settore vitivinicolo che va oltre l’essere un’eccellenza del territorio: l’importanza della valorizzazione dei residui della lavorazione vitivinicola (le vinacce), per lo sviluppo di prodotti ad alto valore aggiunto.

A questo appuntamento non poteva mancare Vegea, azienda che svolge le sue attività nel settore della valorizzazione degli scarti dell’agroindustria, e che ha sviluppato e brevettato una tecnologia che consente di trasformare i residui della lavorazione vinicola in un biopolimero da utilizzare per la realizzazione di tessuti tecnici biobased.

Il Vinitaly ha anche ospitato i primi prototipi di arredo realizzati in Vegea: divani e poltrone in piazza Dante nel centro storico di Verona e nell’area Lounge-vip della Nespresso, all’interno della fiera.

Gianpiero Tessitore, Owner di Vegea, presente all’evento, ha dichiarato:” La creazione di interconnessioni tra settori diversi per incentivare la cooperazione e le sinergie tra gli interlocutori verso obiettivi comuni è tra i punti di forza del modello Vegea di economia circolare, e questa partecipazione al Vinitaly ne è un esempio concreto”.